50 Ave Maria x 31 = 1550

Una Riflessione di Nicola Scorsone. 

Continuando con la matematica, nel mese di maggio dedicato alla recita del rosario, moltiplicando 1550 per milioni nel mondo si arriva a miliardi di recite.
Di fronte a queste astronomiche cifre, Gesù, riguardo alla preghiera, ci dà un chiaro insegnamento: “Nel pregare non usate troppe parole come fanno i pagani, i quali pensano di essere esauditi per il gran numero delle loro parole… perché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate” (Matteo 6:7-8).

La Maria della Bibbia alle nozze di Cana, disse: “Fate tutto quel che vi dirà (Gesù)” (Giovanni 2:5).
Stranamente e contrariamente però, le varie Marie di Fatima, Medjugorje… incitano i fedeli a recitare più rosari possibili invitandoli in tal modo a riporre nelle loro mani la loro vita, nonché le sorti di tutto il mondo.
A chi dobbiamo dare ascolto?
Gesù insegna: “...qualsiasi cosa domanderete al Padre nel MIO nome, Egli ve la darà” (Giovanni 16:23).
Mentre le varie apparizioni mariane richiedono preghiere, suppliche, penitenze, sacrifici (o fioretti) rivolti al loro nome!

Nell’insegnamento biblico, giusto per avere una visione chiara di quella che è la volontà di Dio, non esistono preghiere rivolte ad alcuna creatura, ma solo ed esclusivamente a Lui, il Creatore.
Esempi di preghiere rivolte alle creature si trovano solo nei vangeli apocrifi, cioè falsi evangeli non ispirati da Dio.
Che tali testimonianze siano false è facile da capire, poiché nei suddetti testi, si racconta di un Gesù che, per esempio, a causa di torti subiti, si vendica uccidendo un bambino e trasformandone altri cinque in capretti.

Mia moglie con due soli bambini, fra le tante loro esigenze, arriva alla sera spossata, mi chiedo come potrebbe la madonna, che è umana come lei, assistere ed esaudire milioni di figli a lei attribuiti!?
Leggevo in due giornali religiosi:
1° “La madonna ascolta tutti!”.
Come potrebbe portare il peso di un mondo allo sfacelo, a lei spesse volte affidato!?
2° Una vignetta recitava: “Il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo e la madonna si fanno in quattro per noi”.
Potrebbe Maria, umile donna di Nazareth, essere aggiunta alla Trinità?
È forse ella onnipotente, onniveggente…?

Direi a tutte le donne che nel mese di maggio la esaltano: “Se voi foste Maria, farei bene a prostrarmi ai vostri piedi chiedendovi le grazie, invece che al Salvatore?
Potreste voi ascoltare e provvedere ai milioni di bisognosi imploranti?”.
Molte donne hanno risposto onestamente di no, perché come creature, si riconoscono impotenti.
Solo a Dio è possibile ogni cosa! Egli è chiaro nell’esprimere il Suo volere e la sua gelosia (Esodo 20:4-6), in tutta la Bibbia vieta di servire, implorare e adorare le creature, perché esse son solo misere illusioni!
Dedicarsi a tali culti non può fare altro che offendere profondamente la Sua gloria, la Sua potenza, la Sua indiscutibile maestà, nonché la Sua misericordia divina!

Il rosario non è altro che l’esaltazione di una creatura, che oltre tutto, supera di gran lunga quella dovuta al Creatore, basta confrontare le 50 Ave Maria, contro i 5 Pater Nostro.
Ciò è in netto contrasto con la chiara risposta che Gesù diede a Satana nel deserto: “Adora il Signore Dio tuo e a Lui solo rendi il culto” (Matteo 4:10).
Lo Spirito Santo guida il cristiano alla preghiera con sospiri ineffabili (Romani 8:26), solo nell’esaltare la persona del Padre nel nome di Gesù, nel Suo unico e sufficiente sacrificio, non in quello di altri!
Non vi è in tutta la Bibbia il benché minimo accenno, tanto meno nessun invito, a genuflettersi, o all’affidarsi (che è sinonimo di consacrarsi) a qualsiasi creatura, né di portargli in preghiera lode e ringraziamenti!

Per definire queste “manifestazioni” vengono usate parole difficili, quali: “dulia, iperdulia…”, fatto sta che in sostanza, il risultato non cambia, essa non è altro che adorazione, quindi idolatria.
Pregare poi, è un dialogare con Dio, non il recitargli una poesia, innumerevoli volte.
In preghiera l’uomo apre il suo cuore al Signore per affidargli i suoi bisogni, fra i quali il più grande e urgente non è tanto quello di una guarigione fisica (certo Dio fa anche quello!), ma piuttosto quello della salvezza dell’anima.

Una persona salvata da Gesù avrà un solo desiderio, che è quello di servire, ubbidire e adorare Lui solo, nell’unità della Trinità.
Ed ancora Gesù ripete: “Se uno mi ama... se mi è amico... osserverà la mia parola” (Giovanni 14:23; 15:14).
Tu lo sei?
Preghiamo dunque, affinché anche nel mese di maggio, il mese che tanta gente dedica (o consacra) a Maria, molti vogliano restituire il proprio cuore, contrito e ravveduto, al suo legittimo proprietario, il Signore Gesù, il divino Maestro, il Signore della gloria. Che così sia!

Commenti

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni