Un gentile invito.

Evangelizzazione

Un messaggio di Enea. 

Vorrei che tutte le persone del mondo potessero conoscere personalmente il Signore.
Ma forse è troppo desiderare una simile cosa!
Sapete, non parlo di un Signore qualunque, ma di quello che ha creato il cielo e la terra, quello che fa sorgere e tramontare il sole, quello che può scaldare il cuore di tutti ed in particolare di te che leggi e ascolti la Sua voce.
Questo Signore ha un nome: GESU’.
Anch’io ho dovuto scegliere di dargli il mio cuore.
So che Gesù vuole entrare nella tua e nella mia vita, per farci vivere.
Possiamo vivere una vita in (dentro) Gesù, perché Lui vuole il meglio per noi tutti.
Non c’è da aver paura o dubbi, o forse è meglio averne per cercare la verità.
E la verità è Gesù.
Se lo cerchiamo con tutto il cuore, con tutto noi stessi lo troviamo, perché Lui si vuole fare trovare.
In Lui c’è perdono, c’è compassione, c’è amore, c’è la vita....
Non riusciamo a perdonare qualcuno?
In Gesù troviamo la forza giusta per farlo.... per perdonare, per amare, per vivere.
Dio non ci negherà quello che ci serve per avere un buon rapporto con Lui, e con il nostro prossimo.
Egli vuole fare cose belle con noi.... se noi lo vogliamo.
I miracoli esistono!
Oggi tu puoi vivere nel miracolo di una vita ricca e abbondante e nessuno può fermarti.
Le guarigioni avvengono anche oggi, e io le ho viste nel nome di Gesù.
I prodigi non sono avvenuti solo nel passato, ma si possono vederli anche oggi.
Mando un augurio a chi ha avuto modo di leggere questo breve messaggio, di vedere realizzati i propri sogni in Gesù, il Cristo del Dio vivente.

Commenti

  1. Che tutti lo leggano nel nome del Signore Geeeeesssùùùùùùùùùùùùùù.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti vengono monitorati.
Verranno pubblicati solo i commenti firmati, che non hanno frasi ingiuriose e oscene, e che non offendono l'autore del post, ne il sito.

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni