Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2021

Ultimo articolo

L’apocalisse potrebbe diventare realtà sotto i nostri occhi.

A Carnevale

Una brutta caratteristica della società di oggi è che la maggior parte delle persone assorbe facilmente quello che viene proposto, presentato, o pubblicizzato, su mode, tendenze, usi, costumi, feste, eventi, etc.. Il comune denominatore però deve essere lo svago, il divertimento, o qualcosa che porta all'alienamento dal negativismo della monotona vita di ogni giorno, o dalla mancanza di obbiettivi e aspirazioni. Nella maggior parte di questi casi si riscontra poco interesse e mancanza di desiderio di voler vedere a fondo quello che sta “dietro le quinte”, o di approfondire un eventuale significato storico e culturale di un evento, ricorrenza, o festa che si presenta apparentemente piacevole. Con queste caratteristiche possiamo benissimo catalogare il Carnevale dei nostri giorni, che, probabilmente, risale ai tempi degli Egiziani, i quali festeggiavano i loro riti religiosi, cantando e facendo sfilare buoi per sacrificarli al dio Nilo. Anche al tempo dei Greci si celebrava una festa

Musulmano sogna Gesù e si converte.

La storia vera di Mohammed.  Questa storia è vissuta in Nigeria, a Zaria, un villaggio di etnia Fulani, popolo di pastori e allevatori nomadi. Ad essi si attribuisce l’introduzione e la diffusione dell’Islam nell'Africa occidentale. Tuttavia, insieme all’Islam convivono in quelle terre altre pratiche come l’animismo, lo spiritismo e la stregoneria. Mohammed racconta la sua storia.  Secondo l’usanza del mio popolo (i Fulani), dato che ero il più giovane della famiglia, dovevo essere il primo ad alzarmi presto la mattina per svolgere i miei lavori quotidiani: mungevo le mucche, scioglievo i vitellini, perché andassero dalle loro mamme, poi le portavo al pascolo.  Io amavo moltissimo mio padre e mi piaceva fare tutto quello che lui faceva, perfino quando pregava io pregavo insieme a lui.  Ero determinato a compiacere mio padre e Dio.  Questa determinazione cresceva man mano che diventavo grande.  Intorno ai 14 o 15 anni d’età, feci una richiesta a mio padre, quella di ricevere una buo

Una questione di scelta

  Noi viviamo in una nazione chiamata “cristiana”, ma crediamo veramente in Gesù come il nostro personale salvatore, colui che ci permette di realizzare la comunione con Dio e ci assicura un posto in Cielo dopo la morte (fisica)? Vogliamo considerare brevemente chi è (o chi potrebbe essere) per noi la persona di Gesù Cristo il Figlio di Dio. Alla lettura dei Vangeli ci imbattiamo nella figura di Gesù come un maestro che insegnava le cose di Dio in modo diverso da quello che erano le interpretazioni di allora, divulgati dai vari teologi: Scribi, Farisei e rabbini vari. Gesù affermava che, nei suoi insegnamenti, prendeva in considerazione la stessa Parola di Dio a cui loro si riferivano: la Legge (di Mosè) e gli scritti (oracoli) dei Profeti; e di essere proprio quello che la Parola di Dio presentava: il Figlio di Dio, il Messia e l’Unica via per arrivare al vero Dio. Allora, in certe occasioni, quelli che lo ascoltavano erano divisi nel loro giudizio: alcuni dicevano che era un uomo di