Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Alfredo Reitano

Gesù vuole dimorare nel nostro cuore

Immagine
C'è qualcuno che bussa alla porta del nostro cuore, ha portato un dono per noi: l'amore.
Non ci costringe ad accettarlo, non chiede nulla in cambio, siamo liberi di farlo entrare nel nostro cuore... solo perché lo vogliamo; non per obbedienza imposta.
Non viene da Onnipotente, ma è venuto sulla terra per farsi uomo tra gli uomini, povero fra i poveri, perseguitato tra i perseguitati, con un messaggio d'amore: "Ama il prossimo tuo come te stesso".
Apriamogli il nostro cuore, ma non perché abbiamo tanta paura dell'ignoto e del futuro, o perché cerchiamo rifugio in una fede, o nella rassicurante piattezza del credo, con i marmorei dogmatici canoni religiosi; ma perché l'amore del prossimo esclude ogni male.

Portare Gesù

Immagine
Una Poesia di Alfredo Reitano.

Non c'è cuore che non possa incontrarlo.
Il crudele centurione romano si lasciò cadere le armi
e si convertì;
l'imperatore, l'accettò come religione.

Una volta incontrato Gesù non puoi più tornare indietro,
la gioia che si riceve è immensa,
dobbiamo donarla,
dobbiamo dimostrarla.

Anche se siamo pecore fra lupi e le incomprensioni,
gli insuccessi sono tanti, anche se le lacerazioni,
dell'anima, talvolta sono  profonde,
la fede in Gesù ci da la forza di sopportarli;
lo spirito si rimargina;
nulla può farci male.

I martiri andarono incontro ogni supplizio,
non potevano rinnegare ciò che avevano provato,
incontrando Gesù;
la loro gioia era così immensa,
che che nessuna ferita,
per quanto dolorosa,
poteva scalfire la loro fede.

E allora lasciamo cadere le armi,
usciamo dalla trincea,
andiamo incontro al nostro fratello nemico,
abbracciamolo.

Propaghiamo le vibrazioni del nostro cuore,
affinché altri cuori possano toccare,
con mano, l’amore di …

Incontrare Gesù

Immagine
Una Poesia di Alfredo Reitano.
Non c'è cuore che non possa
E' vicino, è nel nostro cuore;
il più delle volte relegato in un infinitesimale angolo nel nostro cuore,
smarrito nei  pensieri del nostro misero essere umano.

Bisogna accostarsi, tenerlo  vicino,
e a volte anche all'improvviso vedrai che, prima o poi,
si sprigionerà tutto l'amore che c'è in lui.

Tutto il vigore, l'energia la forza;
il nostro cuore non basta più a contenere tutto ciò,
lo devi trasmettere.

E' qualcosa più grande di noi,
la gioia è tanta non puoi pretendere o chiedere altro.

Tutti prima o poi devono incontrare Gesù;
allora, il dolore scompare, l'odio, la rabbia svaniscono.

Non bisogna fare grandi sacrifici, o superare prove impossibili;
li fai o li affronti ma non te ne rendi nemmeno conto.

La gioia della fede in Gesù e l'amore verso ogni essere umano,
ci appagano più di ogni altra cosa,
vera energia della vita e dell'anima.

Non sei più su una piccola barca nel mare in tem…