La testimonianza di Rita

congresso-uomini-nuovi
Dio guarisce ancora oggi.

Durante la mia infanzia, ho molto sofferto per la povertà e per una grave malattia che mi ha allontanato dai miei genitori perché dovetti essere ricoverata in un ospedale lontano.
Successivamente trascorsi alcuni anni in un collegio.
Questi fatti hanno provocato delle ferite emozionali che hanno condizionato pesantemente la mia vita.
Ho sempre avuto un grande bisogno di amore e facevo di tutto per meritarmelo raccogliendo, però solo briciole.


L'immagine che avevo allora di Dio era quella di un Dio severo che mi incuteva paura e, quindi non osavo rivolgermi a lui.
Mi sposai, e dopo 4 anni di matrimonio, mio marito cominciò ad avere seri problemi alla vista.
I nostri progetti per il futuro svanirono, non c'era più il marito forte che pensava a tutto, ora lui aveva bisogno di tutto.

Avevamo un bambino di tre anni e una attività da gestire.
Emilio cercava di non fare pesare la sua condizione; ma più il tempo passava e più la vista di mio marito diminuiva, ed io non riuscivo ad accettare quella nuova situazione.
Emilio stava seduto in cucina e varie volte l'ho visto piangere.

Un giorno, piangendo, mi abbracciò gridando: "Aiutami!".
Fu allora, che per la prima volta, gridai a Dio e sentii una voce dentro di me: "Sono qui, non avere paura, vai avanti!".
Avvertii una forza e una serenità mai provate prima.

Emilio iniziò una scuola per diventare centralinista e, successivamente, trovò un lavoro.
Dopo alcuni anni il Signore ci donò altri due figli, prima Daniela e poi Stefano.
Malgrado avessi ricevuto tanto, ero ancora quasi indifferente verso il mio Dio, finché fui chiamata da una radio cristiana per animare un programma per i sofferenti.

Davanti a tanto dolore, mi resi presto conto della mia impotenza: potevo dare parole di conforto, ma erano solo parole.
Dal profondo del cuore invocai ancora una volta il Signore per ricevere aiuto da lui ed egli mi fece incontrare una persona meravigliosa che non solo mi parlò del Padre, del suo amore, di Gesù e del suo sacrificio e dello Spirito Santo, ma mi insegnò ad amare la Parola di Dio.

La Bibbia divenne il mio cibo quotidiano, non potevo più farne a meno.
Entrai a fare parte del Rinnovamento nello Spirito e iniziai il mio cammino di fede.
Mi resi conto che Gesù è vivo: imparai a dialogare con lui, a fidarmi di lui e a lasciarmi amare.

La mia famiglia non comprendeva tutto ciò ed ero costretta a nascondermi per pregare e meditare la Parola di Dio, mio marito era seccato.
Daniela, preadolescente, era molto ribelle e, ormai, non c'era più dialogo tra noi.

Pregavo, ma pareva che andasse tutto storto.
Fui anche tentata di abbandonare tutto, ma il Signore mi parlò di nuovo: "Prega e sarai salvata tu e la tua famiglia".
A questo punto un banale incidente cambiò completamente la vita di mia figlia Daniela.

Dopo una serie infinita di interventi chirurgici, il professore che l'aveva in cura cominciò a sospettare che fosse affetta di distrofia muscolare, e a quel punto tutto sembrò davvero crollarmi addosso.
Alcuni fratelli del gruppo vennero a trovare Daniela e uno in particolare si prese cura di lei: pregava per lei e se la portava sulle spalle per farla uscire.
Le faceva conoscere la Parola di Dio e la contagiava con la sua fede.

Daniela cominciò a pregare e a leggere la Scrittura con sempre maggior interesse, finché un giorno accettò Gesù come suo Salvatore e Signore.
Tutta la famiglia del ragazzo fu usata dal Signore per sostenerci e incoraggiarci: la sorella, il padre e la madre divennero nostri fratelli e amici.

In vari modi il Signore ci confermò anche che Daniela sarebbe guarita.
Un fratello innamorato del Signore, Kaly, venne più volte da lontano per pregare con noi e per rafforzare la nostra fede.
Ma le cose però peggioravano.

Daniela subì altri interventi, poteva camminare solo usando delle protesi e aiutandosi con le stampelle, spesso si muoveva soltanto con l'aiuto della carrozzina, i dolori erano fortissimi e non poteva dormire che un paio di ore per notte.
Tante volte piangevo e gridavo a Gesù: "Guariscila, non ce la faccio! Ho accettato la cecità di Emilio ma non posso e non voglio accettare che Daniela rimanga così".

Mia figlia si chiudeva nella sua camera a pregare, e lo Spirito Santo era diventato il suo più caro amico e ripeteva sempre: "Gesù mi guarirà!".
Nel mese di Novembre del 1999, partecipammo al congresso cristiano di Uomini Nuovi.
Lì conobbi i coniugi Ruffo, i quali pregarono più volte per Daniela.
Conobbi anche Lisa Laiso, attraverso la quale il Signore ci manifestò la sua tenerezza.

Malgrado tutte quelle preghiere, i piedi di mia figlia erano sempre inutilizzabili.
Ma io continuavo a pregare, a sperare, a leggere la Parola di Dio, a proclamare le promesse di guarigione.
I medici che consultavamo ci davano sempre risposte negative.

Sempre più mi attaccavo alla Parola di Dio e lo Spirito Santo operava in me e in Daniela.
Una volta, in sogno, il Signore mi disse: "Non guardare alle circostanze, ma lodami".
Al risveglio, alcuni passi della Bibbia confermarono il mio sogno: Genesi 15:1; Esodo 3:7-8; Galati 4:6-7; Apocalisse 22:1-7.

Se il Signore non ci avesse messo accanto dei fratelli pieni di fede, convinti del suo amore, davvero non ce l'avremmo fatta a resistere per tanto tempo.
Il professore che aveva in cura Daniela suggeriva di inserirle delle placche di ferro nei piedi per sostenerli, ma non era certo il risultato.

Facemmo richiesta anche di una visita all'estero, ma due appuntamenti andarono in fumo.
A questo punto Daniela intervenne con fermezza: non si sarebbe lasciata toccare da nessun medico prima di aver partecipato al prossimo congresso cristiano di Uomini Nuovi.

Una volta mentre piangevo chiedendo al Signore di avere pietà di mia figlia, sentii la sua voce che diceva: "Che cosa devo fare che non ho già fatto per te? Ricevi!".
Cominciai così a ringraziarlo e lodarlo per tutto quello che aveva già fatto.
Mentre la mia fede cresceva. Daniela cadde malamente sulla mano destra; la mano gli si è gonfiata e non poteva muovere le dita.

Partimmo lo stesso per il congresso: io, Daniela, mio marito e Stefano il figlio più giovane.
Durante la preghiera del mattino, in piccoli gruppi, pensai che Gesù si sia commosso davanti alla fede di Daniela, perché si è tolta la fasciatura dalla mano credendo nel suo nome.
Quando ho visto la mano di mia figlia che era tornata perfetta ho detto a Gesù: "Anche i piedi per favore, cosa ti costa?".

Dopo la preghiera collettiva, Daniela si ritirò nella sua camera e cominciò a pregare.
Non ha creduto a quello che vedevano i suoi occhi, ma solo alla Parola di Dio e i suoi piedi sono tornati a essere come erano prima dell'incidente di due anni e mezzo fa.

Due giorni dopo il congresso la portai dal professore che l'aveva in cura, il quale rimase sbalordito e disse: "Tre giorni fa ero disperato per lei, ora vedo che cammina. Non chiedetemi altro!".
Daniela ora corre, salta e va in bicicletta.

Attraverso la sua esperienza il Signore sta cambiando la mia famiglia, cominciando da mio marito Emilio. Tanti parenti, amici e conoscenti si stanno avvicinando al Signore.
Lui è fedele, non delude mai, nonostante la nostra infedeltà.

Voi fratelli e sorelle che state leggendo, se siete nella sofferenza non arrendetevi, non guardate alle circostanze, ma fissate gli occhi in Gesù.
Egli è il nostro scudo e aprirà una strada per ognuno di voi; egli cambierà il vostro pianto e la vostra tristezza in danza.
Quello che ha fatto per Daniela può farlo anche per voi perché: "Nulla è impossibile a Dio!".

Commenti

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni