Il nostro compito

Ancora ci meravigliamo? 
E si! Ancora ci sono avvenimenti che riescono a stupirci!
Eppure, dalle parole della Bibbia niente dovrebbe coglierci di sorpresa, niente dovrebbe suscitare il nostro stupore.
Ogni evento è stato scritto, ogni orrore preannunciato, ogni scandalo conosciuto in anticipo; ma davanti a determinate ingiustizie o accadimenti dolorosi restiamo sempre senza fiato.
Il nostro sbigottimento è sincero, l'indignazione aumenta, e il nostro è un grido che non riusciamo a trattenere, che ci porta ad ergerci in favore di chi subisce, di chi soccombe.

Siamo dei piccoli frammenti in un ingranaggio che l'uomo stesso manovra a suo piacimento, facendoci sentire dei burattini, i cui fili vengono mossi con incredibile maestria.
Ma questa nostra indignazione non serve a nulla, anzi, ci fa sentire svuotati, disarmati, schiacciati da questo sistema irreversibile, da certi comportamenti assai discutibili, dai soprusi che giornalmente siamo costretti a sopportare, e magari ci piacerebbe ribellarci contro certe decisioni che ignorano completamente la realtà che non appartiene solo al nostro Paese.

Basta dare uno sguardo oltre i nostri confini per accorgersi che la situazione è grave: non c'è più una via di mezzo, o si diventa sempre più ricchi o sempre più poveri, o si soccombe o si fa la guerra!
E allora? Dovremmo forse far finta di nulla?
E' questo che il Signore vuole da noi?
No! Il Signore vuole un popolo che non s'indigni, perché "l'iniquità sarà moltiplicata e la carità dei più si raffredderà" (Matteo 24:12).

Egli vuole un popolo che consacri il proprio tempo, qual esso sia a sua disposizione, non a indignarsi, ma a FARE la Sua volontà; vuole che ci distinguiamo avendo una buona condotta, facendo del bene e "turando la bocca all'ignoranza degli uomini stolti".
Questo mondo passerà portandosi via la sua concupiscenza, le sue ingiustizie, i suoi soprusi e sarà sottoposto al giudizio di Dio!

Viviamo in questo mondo ma non gli apparteniamo; predichiamo la Parola di Dio, "...insisti a tempo e fuori tempo, riprendi, sgrida, esorta con grande pazienza e sempre istruendo".
Combattiamo le ingiustizie e i soprusi e non perdiamo d'occhio il motivo per cui siamo ancora qui!

Una Meditazione di Anna Cipollaro

Commenti

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni