A chi rassomigliamo?

Un venditore ambulante di Bibbie e di libri cristiani, di nome Davide, allevato in Birmania, arriva per la prima volta in una piccola città, di cui peraltro conosce la lingua parlata.
È giorno di mercato.
Sulla piazza offre dei Vangeli e si mette a leggerne qualche riga a quelli che vi si trovano.
In breve tempo si forma un piccolo gruppo e tutti ascoltano con stupore Davide che parla di Gesù Cristo.

All'improvviso un contadino lo interrompe, premuroso e sorridente: «Conosco quell'uomo di cui parla quel libro, abita nel mio villaggio; vieni, te lo mostrerò».
Interessato, Davide decide di seguirlo.
Arrivato al villaggio, nota una capanna diversa da tutte le altre: non c’è immondizia nei dintorni, al posto del fango calpestato ci sono delle piante verdi.
«E’ qui», gli dice la sua guida.

L’uomo che si presenta alla porta è diverso, anche lui: il suo viso è sereno e benevolo; invita il suo visitatore a bere il te e la conversazione prende inizio.
Quando viene a sapere che Davide vende dei libri che parlano del Figlio di Dio, Gesù Cristo, il suo volto si illumina.
Poi va a cercare un vecchio Vangelo di Marco a brandelli.

«Ecco il libro che parla del mio Gesù», dice tutto commosso, «alcuni anni fa, un uomo me lo ha venduto al mercato; da allora lo leggo tutti i giorni. 
Non ho mai conosciuto nessuno come Gesù. 
È lo stesso Gesù che conoscete voi?».
Davide risponde con gioia: «Sì, è lo stesso: Egli è Unico».

Noi che conosciamo Gesù come nostro Salvatore personale, siamo riconosciuti come Suoi discepoli?
Gli rassomigliamo un po?

Commenti

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni