Il Battesimo e la vergogna

"Perché se uno si sarà vergognato di me e delle mie parole in questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell'uomo si vergognerà di lui quando verrà nella gloria del Padre suo con i santi angeli" (Marco 8:38).
Il Battesimo è la scelta più grande e più importante che un credente può fare, riconoscendosi ingiusti e peccatori di fronte ad un Dio giusto, accettando con gioia la Sua volontà a discapito della propria.
Il verso che segue dimostra purtroppo che non tutti abbandonano il trono del proprio egoismo per scegliere quello di Dio: "Tutti quelli che hanno udito la predicazione di Giovanni Battista, anche i più malvagi, hanno riconosciuto la giustizia di Dio, facendosi battezzare; ma i farisei e i maestri della legge, non facendosi battezzare da lui, hanno respinto la volontà di Dio per loro" (Luca 7:29-30).
Anche Gesù si è battezzato, e per lui il battesimo fu un uscire allo scoperto per iniziare la Sua testimonianza come Messia, Figlio Unigenito di Dio.

Per il credente ha un significato analogo: lanciare al mondo la sfida della sua fede.
Il battesimo portò Gesù alle sofferenze della croce; per molti cristiani significò essere sbranati dai leoni.
Oggi, dalle nostre parti, il costo maggiore è essere derisi.
AI confronto dei primi cristiani non c'è paragone, ma per entrambi, Gesù esterna questa bella promessa: "Beati voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno; rallegratevi e giubilate, perché I il vostro premio è grande nei cieli" (Matteo 5:11-12).
Avere un grande premio in Cielo... Quale più grande beatitudine!
Perciò non ti vergognare di Gesù e del Suo insegnamento che è santo e, per questo, un giorno Egli non si vergognerà di Te.

Una Meditazione di Nicola Scorsone

Commenti

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni