La testimonianza di Lara

Testimonianze

Vicissitudini della vita. 

Dio è veramente grande e ci ama di un amore non misurabile, si manifesta sempre e non ci abbandona mai; in cambio desidera che ci fidiamo di Lui.
Quante volte sono caduta e non capivo il perché di tutte quelle prove, "in fondo", mi dicevo, "non ho ammazzato nessuno".
In realtà facevo ben peggio, perché non consideravo l'amore di Dio per me; ero convinta di farcela con le mie forze... sbagliavo e sbagliavo tanto.
Premetto che la mia vita l'ho sempre vissuta intensamente, dopo gli studi, infatti, mi sono sposata, a venti anni; ho sempre lavorato e con mio marito abbiamo fatto 7 meravigliosi figli.
In mezzo a tutti questi anni(circa 22), abbiamo affrontato tante situazioni, tra le quali anche spiacevoli.
Il Signore non mi ha mai abbandonata e nella prova più grande è stato veramente esplicito.
Dopo l'arrivo della nostra sesta figlia, Lucia, si era deciso di non cercare altri bambini, anche se ci siamo sempre affidati a Gesù.
Ma, dopo pochi anni, rimasi in cinta di Giulia, e con il suo arrivo anche la nostra disperazione e impotenza.
Al terzo mese di gravidanza, tramite l'ecografia, alla mia Giulia venne diagnosticato la sindrome 18, incompatibile con la vita, un caso raro, ma che può capitare, proprio come a noi.

I medici ci consigliarono di interrompere la gravidanza subito, perché la situazione era gravissima e anche per un fatto di legge.
Infatti se fossero passati altri 6 giorni non avrei avuto più la libertà di interrompere la gravidanza.
Per me questo era veramente una paura e disperazione tanto che fui costretta a buttarmi tra le braccia del Signore, il quale era vicino a me.
Il Signore mi disse: "Ti ci voleva tanto per accorgerti di me?".
Con l'aiuto anche del mio padre spirituale decidemmo di portare avanti la gravidanza e di affidarci totalmente a Dio.
Il cuoricino di Giulia si fermò di battere proprio l'ultimo giorno che la legge permetteva di interrompere la gravidanza.
Il dolore fu grandissimo per tutta la famiglia, ma il legame che si è creato tra me e Gesù a causa di questo evento è veramente una gioia.
Beato veramente di chi si fida del Signore Gesù.
Lui ci ha messo alla prova, ma soprattutto ci ha aperto gli occhi e il cuore.
Dopo un mese aspettavo Gioele, l'ottavo grande dono che il Signore ci ha voluto donare.
Oggi ha un anno ed è un bambino meraviglioso, molto bello e buono.

Leggi altre testimonianze

Commenti

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni