Ministro assasinato perché contro la legge anti blasfemia

Ancora un omicidio di un cristiano, ministro del governo pakistano. 

Il nostro desiderio di una giustizia equa rimane fermo, anche se siamo convinti che questa è ancora molto lontana dalla realizzazione, specialmente nei Paesi islamici.
Il 2 marzo 2011 Shahbaz Bhat­ti, Ministro Federale per le Minoranze Religiose del Pakistan, è stato ucciso nella capitale Islamabad da un gruppo armato talebano.
L'omicidio è avvenuto in pieno giorno e in una via centrale e trafficata.
I killer hanno affiancato la sua auto, sparando per fermare il mezzo su cui viaggiava, lo hanno trascinato fuori e lo hanno investito con una tempesta di proiettili (oltre 30 colpi).

Poi hanno gettato, sulla scena del delitto, volantini che rivendicavano l'azione da parte dei talebani pakistani, infine si sono dileguati.
Il Ministro è stato trasportato immediatamente in ospedale, dove è giunto già senza vita.
Il motivo di questo barbaro omicidio è da ricercarsi nel fatto che Shahbaz Bhatti, cristia­no cattolico, era uno dei principali fautori dell'abolizione della Legge 295, la cosiddetta "Legge anti-blasfemia", per mezzo della quale vengono perseguitati ogni anno moltissimi cristiani.

I fondamentalisti islamici, che da quella legge traggono numerosi vantaggi, non vogliono che sia cancellata e per questo motivo il ministro Bhatti aveva ricevuto molte minacce di morte.
I talebani avevano già ucciso nel mese di gennaio il Governatore dello Stato del Punjab, Salmaan Taseer, che si era pronunciato a favore di una revisione della Legge 295.

Persino rapporti dei servizi segreti pakistani avevano avvertito di un imminente attacco a Shahbaz Bhatti, che si stava impegnando personalmente anche per la concessione della grazia ad Asia Bibi, condannata alla pena di morte proprio in base alla legge anti-blasfemia.
Pur cosciente del pericolo, il ministro, che aveva speso una vita in favore delle minoranze religiose del Pakistan, aveva dichiarato di non voler arretrare nel suo impegno, chiedendo preghiera per la sua vita.
Ora tutto il mondo cristiano piange per il sacrificio di Shahbaz Bhatti, definito apertamente un martire.

Fonte: La voce dei martiri

Commenti

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni