Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2012

Principi fondamentali di democrazia

Immagine
La negazione e l'impedimento ad ogni costo e con ogni mezzo all'esistenza ed allo sviluppo di uno stato ebraico è una realtà che classificandola, anche per convenienza, come un problema politico ed etnico-razziale, volendo anche ignorare il fattore spirituale-religioso, è pur sempre una ingiustizia contro la democrazia e contro l'auto determinazione di uno stato, e quindi non si dovrebbe mai accettare e tanto meno sostenere.
Israele e l'ONU tra affinità elettive e relazioni pericolose.
L'11 maggio 1949 lo Stato d'Israele fu ammesso alle Nazioni Unite quale suo cinquantanovesimo membro.
Da allora, esso ha partecipato ad un'ampia gamma di operazioni, ha giocato un ruolo attivo nel lavoro dell'organizzazione nel suo complesso e delle ONG che operano sotto gli auspici delle Nazioni Unite.
Ciononostante, le relazioni tra Israele e Nazioni Unite non hanno mai avuto vita facile.

È il 1948 quando l'ONU dichiara fieramente l'intento di perseguire i princ…

La testimonianza di Pierluigi

Immagine
Trasformato in un attimo. 

Vorrei testimoniare, e lo farò contro qualcuno, ma anche a favore di Qualcuno.
Non proverò a spiegare quello che solo dopo ho capito leggendo la Parola di Dio.
Non racconterò eventi e situazioni che ho vissuto in quei giorni, ma unicamente ciò che è accaduto nel più lungo istante della mia vita.
Testimonierò contro me stesso, ma dirò ovviamente la verità.
Questa era ed è la mia semplice natura umana: immeritevole, calpestatore, menefreghista, approfittatore, falso.
Satana mi dà aiuto a sviluppare queste mie innate facoltà, si, lui è il mio principe, ma si comporta quasi fosse il mio servo, è sempre a mia disposizione, ci tiene a me, è uno che arriva in fondo alle cose, non lascia il lavoro a mezzo... lui sì che persegue i suoi obiettivi, e non si arrende!
Dovrei prenderlo ad esempio più spesso...

Ministro assasinato perché contro la legge anti blasfemia

Immagine
Ancora un omicidio di un cristiano, ministro del governo pakistano. 

Il nostro desiderio di una giustizia equa rimane fermo, anche se siamo convinti che questa è ancora molto lontana dalla realizzazione, specialmente nei Paesi islamici.
Il 2 marzo 2011 Shahbaz Bhat­ti, Ministro Federale per le Minoranze Religiose del Pakistan, è stato ucciso nella capitale Islamabad da un gruppo armato talebano.
L'omicidio è avvenuto in pieno giorno e in una via centrale e trafficata.
I killer hanno affiancato la sua auto, sparando per fermare il mezzo su cui viaggiava, lo hanno trascinato fuori e lo hanno investito con una tempesta di proiettili (oltre 30 colpi).

Poi hanno gettato, sulla scena del delitto, volantini che rivendicavano l'azione da parte dei talebani pakistani, infine si sono dileguati.
Il Ministro è stato trasportato immediatamente in ospedale, dove è giunto già senza vita.
Il motivo di questo barbaro omicidio è da ricercarsi nel fatto che Shahbaz Bhatti, cristia­no cattolico, …

I muri tollerati

Immagine
C'è da meravigliarsi sulla quantità di muri di separazione che si trovano ovunque nel mondo, non solo in Israele, dove esso è ancora in costruzione.
Perché Israele deve dare conto al tribunale dell'Aia per la costruzione di un muro che servirà come protezione dai kamikaze, mentre in altre nazioni vi sono dei muri di separazione per i quali i vari governi non rendono conto a nessuno, tanto meno ai propri cittadini?
Vorremmo invitarvi a fare un «viaggio attraverso i muri del mondo».

Il nostro viaggio inizia da un muro che separa il Messico dagli USA. Perché gli americani lo hanno costruito?
In fin dei conti, nessuno dei tanti milioni di immigranti messicani negli USA ha mai compiuto attentati suicidi in ristoranti o autobus.

Il nostro viaggio continua all'altro capo del mondo, verso la Corea.
Fra Nord e Sud Corea c'è un muro che equivale a una linea di demarcazione, visto che è sorvegliato continuamente.
Da che cosa devono essere protetti gli abitanti di questi stati, c…

La testimonianza di Paola

Immagine
Camminare con Dio con la propria croce. 

Sulla riflessione "Prendere la propria croce" vorrei offrire la mia testimonianza, perché possa essere d'aiuto a tante coppie che cercano di diventare genitori.
L'Amore di Dio si è manifestato tra me e mio marito nella sofferenza: da tre giorni mio marito ha subito un intervento che ha concluso un anno abbondante di faticosi e umilianti controlli medici; nel quale ci hanno ufficializzato la nostra infertilità di coppia.
E' stato un giorno difficile, ma l'unione nella fede in Dio ci ha permesso di superare questo scoglio e di trovare una serenità interiore e una unione più forte tra di noi.
Tante volte i piani di Dio non sono i nostri e molte altre volte la Sua Grazia non è visibile all'occhio umano, almeno di primo acchito... non so quale sia il progetto di Dio per noi, so che nulla è impossibile a Lui e Lo ringrazio per la serenità che è riuscito ad infondere nel mio cuore... solo Dio sa cosa è bene per noi, per c…

I seguaci di Allah e la bomba

Immagine
Una riflessione di Maurizio Mirandola.

Il caso di Asia Bibi ha scosso i e continua a scuotere le coscienze in tutto il mondo e ha avuto finalmente il merito di rivelare al grande pubblico il tema della Chiesa perseguitata, le migliaia e milioni di cristiani che ogni giorno nel mondo sono vittime di violenze e discriminazioni per il semplice fatto di credere nel Signore Gesù, anziché nel dio in cui crede la maggioranza della popolazione locale.
Un altro grande merito, anche se tragico, è stato quello di aver squarciato il velo di ipocrisia del Pakistan su questo tema.

Il caso Asia Bibi ha scatenato infatti una serie di eventi drammatici che hanno dimostrato, senza ombra di dubbio, come il Paese asiatico sia dominato dagli estremisti islamici e di come questi utilizzino la cosiddetta "legge sulla blasfemia" per colpire le minoranze religiose, specialmente quella cristiana.
L'improvviso interesse di tutto il mondo per Asia Bibi e la conseguente richiesta della grazia ha inn…

Cristiani perseguitati in Iran

Immagine
In un discorso del 19 ottobre 2010, l'Ayatollah Ali-Hoseini Khamenei, suprema guida spirituale dell'Iran, ha messo in guardia i fedeli islamici iraniani contro "la rete di chiese domestiche cristiane che minacciano la fede islamica e che ingannano voi musulmani". È la prima volta che un leader islamico iraniano ammette pubblicamente l'esistenza di un crescente movimento di chiese domestiche cristiane; dall'altro lato questo discorso rappresenta l'inizio di una fase di repressione del movimento stesso; infatti, a partire dal mese di ottobre scorso, si è verificata un'ondata di arresti in 24 città iraniane, comprese Teheran, Karaj, Isfahan, Ahwaz, Rasht, Anzali, Mashad e Yazd.

Le case dei cristiani sono state ispezionate e molti credenti interrogati e arrestati.
A quelli sono stati presentati loro dei documenti da firmare, in cui promettevano di non fare proselitismo cristiano e di non partecipare a riunioni di chiese domestiche.
I cristiani arrestati …

Bambini tra le guerre

Immagine
Bambini tra le guerre e le violenze degli adulti. 
Guerre fratricide ed etniche, fomentate dai "paesi ricchi", usano i bambini per uccidere e per essere uccisi.
Gli Stati Uniti e i Paesi sviluppati sono i principali fornitori mondiali di armi, mentre i Paesi sotto sviluppati sono i grandi clienti che ne comprano il 63,2% della produzione mondiale.
La diffusione di armi ha causato indicibili sofferenze a milioni di bambini coinvolti nei conflitti.
Le armi usate hanno un impatto devastante non solo durante il periodo bellico, ma anche nei decenni successivi.

Per esempio, le mine di terra e il materiale inesploso costituiscono il pericolo più insidioso e persistente.
Bambini di almeno 68 Paesi vivono in mezzo alla contaminazione di oltre 110 milioni di mine di terra: Afganistan, Angola e Cambogia da soli possiedono 28 milioni di mine (rapporto ONU sull'effetto dei conflitti attuali sui bambini) e l'85% degli incidenti da mine nel mondo avviene in questi Stati.
L'Ang…

I danni della Teologia della sostituzione

Immagine
Una meditazione di Wìllem Glashouwer. 
Che cos'è la Teologia della Sostituzione?  E perché crea gravi danni al nostro rapporto con Dio?
La Teologia della sostituzione non è solamente una falsa dottrina teologica o filosofica, è un peccato di fronte a Dio, perché trasforma Dio in un bugiardo.
La Teologia della sostituzione ha creato nei secoli un'atmosfera che ha reso possibile l'umiliazione, la negazione e la privazione dell'identità culturale e religiosa per milioni di Ebrei; che ha reso possibile la persecuzione e la conversione forzata al cristianesimo per moltissimi Ebrei; che ha fatto sì che un numero incredibile di Ebrei fossero picchiati, derubati, violentati, massacrati.
E anche oggi, dopo 2000 anni di vergognosa storia della "chiesa", la cristianità è quasi completamente indifferente quando gli Ebrei sono minacciati, persino quando l'estremismo islamico minaccia l'esistenza stessa dello stato di Israele; o, al massimo, la "cristianità"…

Stranezze della società di oggi

Immagine
Perché la società odierna è diversa da come l'hanno immaginata i nostri antenati, da come la desideriamo noi e, principalmente, da come Dio l'aveva progettata?
Quello che viene riportato in seguito è la situazione della società negli Stati Uniti d'America, ma sicuramente rispecchia anche la situazione attuale in molte nazioni dell'Europa, nonché in altri parti del globo come Giappone, Repubblica Sud'Africana, Australia, etc..

Questa riflessione (ancora attuale) ha inizio da una domanda fatta da Jane Clayson ad Anne Graham (figlia del famoso evangelista Billy Graham), dopo l'attacco dell'11 settembre 2001, nel programma televisivo americano "Early Show".

Jane: "Come ha potuto Dio permettere che tutto questo avvenisse?".
Anne: "Credo che Dio sia profondamente addolorato da questo evento, come lo siamo noi, ma per anni non abbiamo smesso di dirgli di uscire dalle scuole, di uscire dal governo e di uscire dalle nostre vite.
E da gentiluom…

Ragazzi reclutati per la guerra

Immagine
Un'altro affondo nell'aperta ferita della Somalia. 
Secondo un rapporto del Human Rights Watch (HRW) (l’Organizzazione internazionale per il controllo del rispetto dei diritti umani) nel corso degli ultimi due anni al-Shabaab, il gruppo fondamentalista islamico somalo che controlla molte parti del sud e del centro della Somalia, ha rapito un numero senza precedenti di bambini per costringerli a combattere.
L’uso di bambini come soldati non è un fenomeno nuovo in Somalia.
Tuttavia, secondo il rapporto rilasciato da HRW, quello che colpisce è l’aumento incredibile di violenza e di reclutamento forzato da parte di al-Shabaab a partire dal 2010.

I bambini vengono rapiti con la forza non solo dalle loro case, ma anche dalle scuole e dai campi di gioco.
La loro età è compresa fra i 14 e i 17 anni, ma alcuni ne hanno addirittura 10.
I ragazzi vengono spesso mandati al fronte per essere usati come “carne da macello” per proteggere i combattenti adulti, mentre le ragazze vengono usate …

Carestia nel Corno d'Africa

Immagine
Quando un grave problema ci piomba addosso, spesso ci rendiamo conto che se fossimo stati un po più accorti ne avremmo colto le avvisaglie, ne avremmo intuito la portata; solo a posteriori riconosciamo che quel particolare non andava trascurato. È ciò che è successo nel caso della carestia che sta consumando Corno d'Africa, con un solo, chiaro, innegabile segnale: la mancanza di pioggia.
Già a gennaio 2011 gli osservatori internazionali avevano timidamente lanciato l'allarme, ma mese dopo
mese, nella generale indifferenza la siccità ha preso forza, fino a generare la più grave carestia degli ultimi 60 anni.

Intere popola­zioni sono state costrette a spostarsi, e circa 12 milioni di persone oggi sono a rischio di
denutrizione.
Il paese più colpito è la Somalia, dove nel solo mese di giugno circa 20.000 persone hanno abbandonato le province del Basso Shabelle, del Bakool e del Bay per raggiungere Mogadiscio.
Ma molti di più hanno deciso di lasciare il paese per andare nei campi…

Quanto costa il successo?

Immagine
La tragica fine di alcune star del Rock. 
Elvis è nato nel 1935. La sua carriera è stata grandiosa: 89 LP's, 61 singles e sino alla sua morte più di 400 milioni di dischi venduti.
Fu il protagonista in 33 film ed ebbe 500 presenze in spettacoli televisivi.
La sua voce ed i suoi movimenti sul palcoscenico lo fecero diventare un "pirata del sesso".
Si fece costruire una casa enorme con 23 camere da letto e un grande parco.
Nonostante il suo mega successo, Elvis non ne aveva abbastanza.

Il suo consumo di droga non conosceva limiti, negli ultimi 20 anni della sua vita i suoi medici gli hanno prescritto circa 10.000 pillole diverse, tra stimolanti, tranquillanti e calmanti.
I suoi avambracci erano così pieni di buchi, che non c'era più posto per altri.
La bella e sportiva star era diventata un'obesa massa di grasso sudante.
Il 16 agosto 1977 la sua fidanzata lo trovò svenuto nel bagno.
Morì a soli 42 anni.

Scommesse, lotterie e giochi vari

Immagine
Il nuovo "male italiano" (e non solo). 
Lotterie, scommesse legali, video poker e altre cose simili sono pratiche inaccettabili, specialmente per un cristiano, e apertamente da condannare.
Gli italiani, si sa, sono un popolo di giocatori e l'introduzione, in questi ultimi anni, di nuovi giochi con vincite più o meno allettanti, ha contribuito ad alimentare la febbre del gioco e a renderla contagiosa. Questa nuova tendenza, ovviamente, è contro la volontà di Dio (e non solo per i Suoi figli), per diversi motivi:

1. IL GIOCO È IDOLATRIA
Innanzitutto, l'amore per il gioco è una vera e propria forma di idolatria.
Chi gioca o scommette ripone non poche speranze sulla possibilità di vincere, dimostrando così un amore per il denaro che può sviarlo dalla fede e procurargli molti dolori (1Timoteo 6:10).
Gesù ricorda che nessuno può servire due padroni, perché o odierà l'uno e amerà l'altro, o avrà riguardo per l'uno e disprezzo per l'altro (Luca 16:13).
Il cri…

Chiarimenti di termini e costatazione di realtà

Immagine
Antisemitismo, Antisionismo, Antigiudaismo, odio contro Israele: sono le diverse facce di un'offensiva contro Israele, che sempre più si sta facendo strada nel mondo, oggi. Noi da che parte stiamo?
La Bibbia è molto chiara al riguardo: "...Infatti così parla il SIGNORE degli eserciti: "È per rivendicare la sua gloria che egli mi ha mandato verso le nazioni che hanno fatto di voi la loro preda; perché chi tocca voi, tocca la pupilla dell'occhio suo"" (Zaccaria 2:8).
E' con un profondo senso di urgenza che ho sentito il dovere di riprendere quello che ritengo un manifesto universale contro l'Antisemitismo.

Il documento è stato pubblicato sul quotidiano israeliano Ha-Aretz, il 31 agosto 2001, ad opera di un gruppo di cristiani tedeschi, ed è stato da noi tradotto e pubblicato sul n. 3/2002 di UominI Nuovi.
E' necessaria infatti la massima chiarezza sulla posizione che, anche come cristiani, dobbiamo avere in accordo alla Parola di Dio, verso Israe…