Cristo? Un idolo!

Una meditazione di Paolo Moretti. 

Mi è capitato più volte, negli ultimi mesi, di sentire commenti lusinghieri anche in ambito evangelico in relazione agli appelli ripetuti in più occasioni dal nuovo pontefice ad “aprire il cuore a Cristo”, appelli che si erano sentiti più volte anche sulla bocca del suo predecessore.
Quando si sente parlare di “centralità di Cristo” o del “bisogno dell’uomo di guardare a Cristo”, è possibile rimanere colpiti positivamente.
Non è, questo, lo stesso messaggio che anche noi annunciamo?
Non andiamo anche noi sulle piazze, per le strade e sotto le tende ad annunciare che gli uomini hanno bisogno di Cristo e che, se vogliono davvero conoscere il dono di una vita purificata e rinnovata devono convertirsi ed aprire il loro cuore a Lui?
Che finalmente anche a Roma qualcosa o qualcuno si stia muovendo verso nuove direzioni?

Purtroppo, niente di tutto questo.
Infatti, se andiamo al di là delle parole in sé pur belle e se scopriamo l’intenzione e l’obbiettivo che i due pontefici in questione hanno avuto nel pronunciarle, ci rendiamo conto che esse hanno un significato ben diverso da quello che noi normalmente pensiamo.
L’intenzione è quella di chiamare i fedeli ad accostarsi all’Eucarestia, nella quale “è racchiuso tutto il bene spirituale della Chiesa, cioè lo stesso Cristo” (art. 1324 Catechismo Chiesa Cattolica).
È nell’Eucarestia che Cristo si rende presente nella Chiesa (cattolica romana) ed è quindi attraverso l’Eucarestia che è possibile riceverlo nel cuore.

“Aprite i cuori a Cristo” equivale quindi a dire: “Accostate i cuori all’Eucarestia!”.
L’obbiettivo è invece quello di legare le persone alla Chiesa (cattolica romana).
Se infatti “Cristo è racchiuso nell’Eucarestia” e se l’Eucarestia è patrimonio della Chiesa che la possiede e la dispensa, è ovvio che per ricevere Cristo occorra entrare a far parte della Chiesa (cattolica romana).
Scopriamo così che, quando si parla di “centralità di Cristo”, in realtà si ha in mente “la centralità della Chiesa”, che lo “racchiude” e lo “dispensa”.
Il “Cristo”, al quale si invita ad aprire il cuore e ad accostarsi, è in realtà un oggetto, un idolo, un feticcio.

Qualche sera fa le campane del mio paese suonavano a distesa, in modo davvero inusuale.
Ho scoperto, qualche giorno dopo, che quella sera era in programma un incontro di “adorazione dell’Eucarestia”: tutti in ginocchio – immagino – a pregare davanti al cosiddetto “santissimo”!
Che tristezza!
Dopo la risurrezione di Gesù, due discepoli lo riconobbero nel momento in cui “prese il pane, lo benedisse e lo spezzò”, ma quando Gesù scomparve alla loro vista, pronunciarono queste note parole: “Non sentivamo forse ardere il nostro cuore dentro di noi mentre egli ci parlava per via e ci spiegava le Scritture?” (Luca 24:30-32).
Si rammaricavano perché i loro cuori non si erano infiammati durante l’ascolto della Parola, ma non fanno alcun accenno al momento della rottura del pane, dell’Eucarestia!?
È l’ascolto della Parola che fa ardere i cuori ed è attraverso l’ubbidienza ad essa che i cuori possono aprirsi a Cristo, per essere purificati, trasformati e radicalmente rinnovati.

In quello stesso racconto, Luca ci ricorda che Gesù, “cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture le cose che lo riguardavano” (24:27), e che più avanti ricordò ai discepoli: “Queste sono le cose che io vi dicevo quand’ero ancora con voi, che si dovevano compiere tutte le cose scritte di me nella legge di Mosè, nei profeti e nei Salmi” (24:44).
Cristo si rivela a noi come il Vivente, e cessa così di essere “un idolo”, soltanto quando lasciamo che egli parli ai nostri cuori attraverso la sua Parola illuminata dalla convinzione dello Spirito Santo.
È ascoltando la sua Parola che i cuori si aprono a lui per accoglierlo e per donargli la centralità nella propria vita.
È la stessa Parola che illumina la nostra mente e ci guida a discernere che parole giuste nascondono un significato errato.
Di questo discernimento abbiamo oggi quanto mai bisogno!

Commenti

  1. Pace a te Giuseppe, grazie di questa riflessione che faccio mia.
    la copierò e la leggerò ad amici cattolici.
    io quando parlani i papi, stò attento alleloro ,molte parole "trappola",li ascolto,ma non mi hanno mai dato nulla di buono,nemmeno da cattolico......
    CRISTO è la PAROLA !!!
    IL VERBO FATTOSI CARNE !
    e la PAROLA brucia nei nostri cuori.
    non in una teca d'oro, non in pezzo di pane azzimo,non è locata
    non è un'idolo!
    Pace a te nel SIGNORE

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti vengono monitorati.
Verranno pubblicati solo i commenti firmati, che non hanno frasi ingiuriose e oscene, e che non offendono l'autore del post, ne il sito.

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni