Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2010

Nei campi

Immagine
Una Riflessione di Paolo Moretti. 
Rileggendo qualche giorno fa la parabola del figlio prodigo (Luca 15:11-32), mi sono sentito ripreso dal Signore attraverso una particolare riflessione sul comportamento incoerente del figlio-fratello maggiore. Egli “si trovava nei campi” al momento del ritorno del fratello a casa, non era quindi in giro a passeggiare, né stava svolgendo altre attività con cui riempire il suo tempo libero.
Era “nei campi” a lavorare, a sudare nei terreni del padre, ad esprimere in questo modo impegno, fatica, servizio.

Chi lo avesse osservato con attenzione, lo avrebbe giudicato un eccellente servitore del padre, un vero modello da prendere come esempio!
Ma poi, quando, tornando come ogni sera a casa, udì un insolito suono di musica e di danze e venne informato che il padre stava facendo festa per il ritorno a casa di suo fratello, “egli si adirò e non volle entrare”.
Ovviamente questo rifiuto ha, nel contesto immediato della parabola, lo scopo di portare a rifletter…

Cristo? Un idolo!

Immagine
Una meditazione di Paolo Moretti. 
Mi è capitato più volte, negli ultimi mesi, di sentire commenti lusinghieri anche in ambito evangelico in relazione agli appelli ripetuti in più occasioni dal nuovo pontefice ad “aprire il cuore a Cristo”, appelli che si erano sentiti più volte anche sulla bocca del suo predecessore.
Quando si sente parlare di “centralità di Cristo” o del “bisogno dell’uomo di guardare a Cristo”, è possibile rimanere colpiti positivamente.
Non è, questo, lo stesso messaggio che anche noi annunciamo?
Non andiamo anche noi sulle piazze, per le strade e sotto le tende ad annunciare che gli uomini hanno bisogno di Cristo e che, se vogliono davvero conoscere il dono di una vita purificata e rinnovata devono convertirsi ed aprire il loro cuore a Lui?
Che finalmente anche a Roma qualcosa o qualcuno si stia muovendo verso nuove direzioni?

Purtroppo, niente di tutto questo.
Infatti, se andiamo al di là delle parole in sé pur belle e se scopriamo l’intenzione e l’obbiettivo ch…

Il messaggio divino

Immagine
Una messaggio di Rosaria Schimmenti. 

E' Dio vivo in noi e nel mondo?
La Sua pace, il Suo amore e le Sue leggi dimorano nel nostro cuore? Nelle nostre famiglie e nel nostro paese?
O stiamo correndo in cerca di benessere, pace e felicità senza la bussola dei Suoi comandamenti? (Proverbi capitolo 3).
Non possiamo eliminare i problemi che ci affliggono se non usiamo la chiara e sicura bussola morale che Dio ci ha fornito tramite la Sua Parola.
Il peccato non è stato mai felicità, così anche la malvagità, perché violano la legge sacra che governa tutta la creazione, inclusi noi che facciamo parte di essa.
Siamo stati creati per vivere nella legalità, nel rispetto reciproco e nel far moltiplicare i doni che Dio ci ha elargito.

La prova tangibile che abbiamo bisogno di bene è evidenziata anche dal fatto che, quando abbiamo dei veri amici e dei buoni rapporti con il prossimo, siamo più sereni.
Questo dovrebbe essere il nostro obbiettivo principale, impegnarci affinché questo si realizzi.

Buon Natale

Immagine
Un Messaggio di Patrizia Eydallin. 

Dal natale mi aspetto di poter solo ringraziare Gesù perché è nato. Qualsiasi sia la data, sta di fatto che è nato, e dal momento che credo senza ombra di dubbio che Egli è il mio salvatore, voglio solo mostrargli la mia gratitudine per ogni benedizione, guida, amore, appagamento, consolazione e... felicità che solo lui mi ha dato.
Sono io ora che voglio fare un regalo a lui, poiché mi ha donato tutto ed è sempre con me, così gli voglio donare il mio cuore e portare l'amore a chi non l'ha, il Suo amore che ha messo in me, e voglio che tutti conoscano che meraviglioso Dio e meraviglioso Salvatore abbiamo, che la vita è vera vita, anche se non siamo ancora in paradiso, che vale la pena di viverla, perché dobbiamo e vogliamo dargli la gloria come Lui merita, e non è nulla in confronto al suo amore per noi.

La Sua parola ci narra la Sua storia, la Sua meravigliosa opera, e noi, che per grazia Sua l'abbiamo accettata, abbiamo una vita trasfor…