Un grande abbaglio

Magdi Allam critica l'appello di 138 musulmani. 

Dal CORRIERE della SERA del 19 ottobre 2007.
Se si chiedesse ai musulmani «Voi siete per la vita dell'umanità e per l'amore degli uomini?», la stragrande maggioranza risponderebbe indubbiamente: «Sì».
Ma se si chiedesse loro: «Voi siete per la vita di Israele e per l'amore degli israeliani? », ebbene, state certi che la stragrande maggioranza risponderebbe: «No», perché li considerano «il nemico da eliminare, conformemente alla Sharia, la legge islamica».

Ugualmente se si chiedesse loro: «Voi siete contro il terrorismo?», la stragrande maggioranza risponderebbe indubbiamente: «Sì».
Ma se si chiedesse loro: «Voi siete contro il terrorismo palestinese, iracheno o afghano? », ebbene state certi che la stragrande maggioranza risponderebbe «No», perché non lo considerano terrorismo bensì «resistenza, il livello supremo della Jihad, la guerra santa, legittimata dal Corano».

Che cosa significa?
Che i musulmani, lo dico con rammarico, mantengono un doppio parametro etico sulla vita e sull'amore, a secondo dell'identità del prossimo e dei carnefici; e che, di conseguenza, disconoscono sostanzialmente la sacralità della vita.
Ebbene, la storia mediorientale del dopoguerra ci insegna che nel momento in cui i musulmani hanno mantenuto un'eccezione al diritto alla vita, ritenendo che esso valesse per tutti tranne che per Israele, quest'eccezione ha spalancato una voragine nichilista che ha finito per fagocitare e infierire contro tutti i «diversi», sprigionando un'ideologia di odio, violenza e morte che in ultimo si è ritorta contro gli stessi musulmani, al punto che oggi la gran parte delle vittime del terrorismo islamico, che si fonda sulla discriminazione di Israele rispetto al diritto alla vita, sono musulmani.

Purtroppo ciò sembra essere sfuggito a quanti, da Giuliano Ferrara ai cardinali Jean-Louis Tauran e Angelo Scola, hanno espresso su Il Foglio un chiaro apprezzamento alla «Lettera aperta e Appello delle Guide religiose musulmane» a papa Benedetto XVI, ai patriarchi delle Chiese ortodosse e ai leader cristiani nel mondo, incentrata sulla dissertazione teologica della comunanza tra islam e cristianesimo attorno all'amore per l'unico Dio e all'amore per il prossimo.
Ferrara ha titolato il suo editoriale del 16 ottobre «La Fatwa della riconciliazione - Né ironica né isterica, la lettera dei 138 è il gesto tanto atteso dopo Ratisbona».
Mentre il cardinale Tauran l'ha qualificata come «un segnale molto incoraggiante, poiché dimostra che la buona volontà e il dialogo sono capaci di vincere i pregiudizi», sempre su Il Foglio, che ha avuto il merito di pubblicare integralmente la Lettera, Carlo Panella ha espresso una valutazione fortemente critica.
Il padre gesuita Samir Khalil si è mostrato alquanto perplesso, mentre Roger Scruton ha assunto una posizione interlocutoria.

L'errore di fondo è di immaginare che si possa condividere la fede in uno stesso Dio a prescindere dalla condivisione della sacralità della vita, ritenendo che essa possa essere concepita alla stregua di un percorso a tappe, quindi un valore relativizzabile subordinato a considerazioni di opportunità tattiche, oppure come un contenitore a compartimenti stagni in cui la negazione del diritto all'esistenza di Israele non inficia la genuinità del valore assoluto, universale e trascendente, affermato solennemente, invocando una serie di versetti coranici estrapolati dal loro contesto, a dir poco problematico, e interpretati bonariamente a beneficio di chi, consapevolmente o meno, finisce per cedere alla mistificazione della realtà e per farsi irretire dalla dissimulazione del pensiero.

Com'è possibile credere alla genuinità della fede nel Dio che incarna il valore della vita e nella scelta dell'amore per il prossimo di 138 esponenti islamici, tra cui figurano leader dei Fratelli Musulmani, responsabili dell'Università islamica di Al Azhar, custodi dell'intransigenza wahhabita, il fondatore dell'«Organizzazione degli ulema» in Iraq, pionieri della conquista ideologica dell'Occidente, tramite l'imposizione della Sharia; tutti apologeti del terrorismo islamico teso alla distruzione di Israele e alla sconfitta della civiltà occidentale di cui il cristianesimo rappresenta il riferimento centrale?

Così, com'è possibile prospettare un'intesa tra musulmani e cristiani, escludendo gli ebrei e basandola su una concezione teologica e dogmatica di Dio, della vita e dell'amore del prossimo che esula da qualsiasi considerazione del tema dei diritti fondamentali della persona, che è esattamente l'opposto della concezione del dialogo con l'Islam, formulata e auspicata dal papa Benedetto XVI?
Spiace concludere — con la franchezza che è doverosa nel rapporto costruttivo con gli amici — che ho avuto la sensazione di un'inconscia tentazione a rimettersi nelle mani dei terroristi taglia-lingua in doppiopetto pur di finirla con i più beceri terroristi taglia-gola.
Ma io non ci sto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Miracolo in Egitto

L'Abbandono.

Breve storia di martiri cristiani

Olocausto - Verità o menzogna?

La testimonianza di Ornella Vanoni